Home_udine01 Home_lussari Home_vino Home_collio01 Home_trieste02 Spilimbergo

Per il tuo soggiorno in Friuli - Venezia Giulia
offriamo un'ampia scelta di Bed & Breakfast, caratterizzata da qualità e servizi.

Logo_turismofvg

Vicino e lontano - Premio Terzani Udine 11-14 maggio 2017

Sarà Utopia il filo conduttore di vicino/lontano 2017, 13^ edizione del festival in programma a Udine dall’11 al 14 maggio. Nato con l’intento di promuovere momenti di riflessione pubblica su questioni aperte e temi cruciali del nostro tempo, 

Vicino/lontano, constatata la crisi delle ideologie che sostenevano le grandi utopie dei secoli scorsi, vuole quest’anno provocare l’immaginazione di tutti con una domanda decisiva: perché non proviamo – con il coraggio della discontinuità – a immaginare e pensare il futuro come diverso dal mondo che conosciamo? Incontri, dibattiti, conversazioni, conferenze, lezioni, letture, mostre, spettacoli e proiezioni occuperanno ancora una volta, per quattro intense giornate, il centro storico della città friulana, con un centinaio di appuntamenti che coinvolgeranno 170 protagonisti della cultura e dell’informazione.

Novità di grande rilievo a Vicino/lontano 2017 è la collaborazione attivata con il prestigioso e autorevole Institute of Ideas di Londra, che ha scelto il festival di Udine per realizzare il primo evento “satellite” in Italia del festival “Battle of Ideas”, ogni anno di scena a Londra al Barbican Centre. 

Tema del confronto tra i relatori, e con il pubblico, sarà il fenomeno del nuovo populismo, che pone a chi non voglia accontentarsi di spiegazioni semplificate o pregiudiziali, interrogativi e analisi non banali. Negli Stati Uniti di Trump, nella Gran Bretagna della Brexit, in Europa e in Italia soffiano sempre più impetuosi venti di populismo. Possiamo accontentarci di pensare che sia semplicemente una risposta alla paura determinata dall’incertezza dei tempi? Possiamo pensare che costituisca solo una minaccia per la stabilità di sistemi politici consolidati? O potrebbe diventare un’occasione per invertire il processo di declino della partecipazione politica come l’abbiamo conosciuta?